Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina ne acconsenti all'uso.

Per saperne di piu'

Chiudi

Paolo Carmignola

Paolo Carmignola non ha ancora inserito la sua biografia
330

ecoambiente RO

Da ottobre la Città di Rovigo è coinvolta in un percorso virtuoso che prevede importanti cambiamenti al sistema di raccolta differenziata.

"La gestione dei rifiuti è una delle sfide più importanti in tema di salvaguardia ambientale e sviluppo sostenibile e Rovigo deve recuperare il ritardo rispetto a quanto prevede la normativa in termini di quantità e qualità dei rifiuti differenziati" ha dichiarato il Sindaco Massimo Bergamin.
Infatti, pur essendo l'intera Provincia allineata al 65% di raccolta differenziata previsto per legge, il capoluogo si assesta ancora su un 56% con la necessità e l'obiettivo di compiere, entro breve tempo, importanti passi in avanti per colmare il gap.

L'Amministrazione comunale ed Ecoambiente S.r.l., gestore dei servizi di igiene ambientale, stanno lavorando su tre importanti fronti:
* nuova raccolta separata del vetro su tutto il territorio (prima raccolto con plastica e lattine).
* avvio del 'porta a porta' di tutti i rifiuti nelle frazioni di Rovigo (tutta la cintura della città)
* riorganizzazione delle isole per la raccolta stradale nel centro cittadino, per un migliore utilizzo e una disponibilità per i cittadini
L'intero progetto ha come obiettivo generale una migliore valorizzazione dei materiali conferiti, per favorire il recupero di risorse e la riduzione del volume di rifiuti avviati a smaltimento senza recupero.

Per accompagnare la popolazione in questo periodo di avvio dei nuovi servizi l'Amministrazione e Ecoambiente hanno messo in campo una campagna di comunicazione e sensibilizzazione a tutto tondo: attività di sensibilizzazione capillare a tutte le diverse utenze interessate, consegna domiciliare dei contenitori per la raccolta, 20 serate pubbliche, domeniche informative organizzate nelle piazze del territorio, locandine e manifesti informativi, pagina Facebook dedicata, supporto tecnico "door to door" alle attività commerciali, un numero verde sempre attivo, comunicazioni puntuali tramite la stampa locale e attività didattiche nelle scuole con ben 160 incontri formativi.

Le attività di comunicazione sono state programmate per informare in modo chiaro le diverse utenze (popolazione adulta, utenze non domestiche, popolazione scolastica, ecc.), attraverso strumenti, modalità e linguaggi differenziati, al fine di responsabilizzare e trasformare le attuali abitudini in comportamenti virtuosi. I risultati, siamo sicuri, non tarderanno ad arrivare.

Continua a leggere
471

paris 2024

Non si è ancora spenta la eco per la doppia assegnazione delle edizioni dei giochi olimpici estivi avvenuta qualche giorno fa a Lima (Parigi 2024 e Los Angeles 2028) che la necessità di accertare la sostenibilità delle rispettive organizzazioni già emerge. Il sindaco della capitale francese, Anne Hidalgo, ha infatti dichiarato che la prima e più sostanziosa novità dell'edizione parigina consisterà negli standard altamente sostenibili e a scarso impatto ambientale, così da conformarsi all'Accordo di Parigi sul clima del 12 dicembre 2015.

Purtroppo, quando vengono organizzate grandi manifestazioni del genere non è semplice ridurre o minimizzare l'impatto ambientale: fastosità delle cerimonie, utilizzo massiccio di carta per comunicazioni, produzione di abiti, gadgets, uso di acqua, carburanti e molto altro ancora sono elementi fortemente presenti e impattanti in mezzo a gare di scherma e atletica. L'obiettivo dichiarato sarà quindi quello di ridurre l'impatto in termini di emissioni di CO2 del 55% rispetto ai Giochi di Londra (2012) e Rio de Janeiro (2016).

Jérôme Lachaze, responsabile dello sviluppo sostenibile presso il comitato promotore della candidatura, ha infatti dichiarato ad un magazine francese: «Abbiamo concepito i Giochi più sobri della storia, il 95% delle infrastrutture che verranno utilizzate esiste già, oppure si tratterà di impianti temporanei. L'80% dei siti, invece, si trova in un raggio di 10 chilometri dal villaggio olimpico, il che consentirà di limitare fortemente gli spostamenti».

Anche la mobilità vuole la sua parte: è stata prevista una misura che vieterà alle automobili di circolare, tanto che non saranno neppure previsti parcheggi per gli spettatori che invece verranno incentivati a raggiungere i luoghi delle competizioni con le biciclette o con altri mezzi a impatto minimo. Gli unici trasporti veloci saranno ecologici, e quindi o veicoli ibridi o a idrogeno per i protagonisti delle gare e invece bus a zero impatto ambientale o treni e metropolitane per chi vorrà assistere alle gare.

Altro aspetto innovativo di Parigi 2024 riguarderà una particolare attenzione per l'alimentazione e la distribuzione del cibo: esso sarà locale, biologico e certificato grazie a un accordo con alcune associazioni locali.

I propositi sono encomiabili ed apprezzabili: se come speriamo Parigi riuscirà a compiere questo percorso nei prossimi sette anni manderà un segnale forte e positivo a tutti i paesi europei: si può fare!

Continua a leggere