Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina ne acconsenti all'uso.

Per saperne di piu'

Chiudi

News

146

subatod

Ventuno incontri pubblici in ventuno comuni: dal fondo valle - Chatillon e Saint Vincent, alle più rinomate località sciistiche italiane Valtournenche e Ayas - passando per tutti i piccoli comuni di media valle, tutti sono stati partecipatissimi, con un numero di presenze registrate che va dalle 80 alle 300 persone!

Siamo in Valle d'Aosta e l'esperienza di queste settimane, che vede Achab supportare il Sub-ATO D e Quendoz srl nel lancio del nuovo servizio di igiene urbana, dimostra che il contatto diretto e l'approfondimento faccia a faccia sono ancora indispensabili, anche nell'epoca dei nuovi media e della partecipazione digitale.
Dal 1° novembre 2018 nei 21 Comuni delle Unités des Communes Evançon e Mont Cervin la raccolta differenziata, organizzata dal Sub-ATO D e gestita da Quendoz srl, sarà oggetto di importanti modifiche, che consentiranno la tracciabilità dei rifiuti conferiti dagli utenti ed entro il 2020, il riparto dei costi del servizio sulla base di quanto rifiuto indifferenziato prodotto, nel pieno rispetto del principio "chi inquina paga".
Tra i primi risvolti positivi sono gli aggiornamenti delle banche dati TARI, con l'emersione di nuove utenze, poichè le attrezzature possono essere consegnate alle solo agli iscritti a ruolo.

Il servizio previsto dal piano di sub-ambito prevede un'integrazione tra più sistemi organizzativi per tener conto della varietà e stagionalità delle utenze in realtà così fortemente turistiche. I contenitori per i comuni con raccolta domiciliare sono dotati di codice elettronico; i contenitori che rimangono stradali, ma ad accesso controllato, potranno essere aperti solo con le tessere. Il sistema è progettato per permettere l'associazione di ogni rifiuto all'utente che lo ha prodotto, consentendo di individuare chi non differenzia correttamente, ed arrivare ad una tariffa puntuale unica di sub-ambito.

Ciascuno svuotamento dei nuovi contenitori (nelle aree servite con raccolta porta a porta tradizionale e frazionale individuale) ed ogni conferimento stradali informatizzati (sbloccati utilizzando la nuova eco-tessera), sarà registrato ed associato alla relativa utenza. Per questo motivo i contenitori del secco residuo stradali sono dotati di una calotta volumetrica.
A fine anno, si saprà quanti svuotamenti o conferimenti sono stati effettuati.
In questo modo sarà possibile definire, per gli anni successivi, le modalità di pagamento della tariffa in base al volume dei rifiuti conferiti al servizio pubblico.
Altri aspetti di particolare interesse sono la sostituzione dei contenitori condominiali con quelli familiari per le poche, ma talvolta grandi, utenze aggregate; e ancora l'adesione ai colori definiti dalla norma UNI 11686 per i contenitori della differenziata. Con la speranza che queste scelte ci portino un giorno ad avere colori univoci almeno a livello nazionale.

A partire dal 1 Novembre oltre 40.000 utenze inizieranno un nuovo percorso verso la sostenibilità.

b2ap3_thumbnail_Riunione-Sindaci-IMG_5148.JPGb2ap3_thumbnail_issogne4.JPGb2ap3_thumbnail_issogne.JPGb2ap3_thumbnail_IMG_9649-12-09.JPGb2ap3_thumbnail_IMG_5208.JPGb2ap3_thumbnail_IMG_5170-11-10.JPGb2ap3_thumbnail_IMG_5162-3-10.JPGb2ap3_thumbnail_IMG_5132-27-09.JPGb2ap3_thumbnail_IMG_5128-26-09.JPGb2ap3_thumbnail_IMG_5127-26-09.JPGb2ap3_thumbnail_IMG_5105-20-04.JPGb2ap3_thumbnail_IMG_5028-13-09.JPGb2ap3_thumbnail_IMG_5027-13-09.JPGb2ap3_thumbnail_IMG_5019--12-09.JPGb2ap3_thumbnail_DSC_0679-PONTEY.JPGb2ap3_thumbnail_GKYX1392-14-09.JPG

Continua a leggere
124

arte laguna

Insieme per premiare l'arte sostenibile, originale e creativa questo l'obiettivo della sinergia nata tra il Premio Arte Laguna, il Consorzio Corepla (Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica) e l'Università Ca' Foscari di Venezia, attraverso il programma Ca' Foscari sostenibile.

Dal 2015 il Premio Arte Laguna ha dato vita ad una sezione speciale del concorso internazionale dedicata alla Sostenibilità e all'Arte promuovendo una sensibilizzazione del gesto artistico, della creatività, del design e in generale delle arti visive e performative nei confronti delle strategie di Riuso Riduco Riciclo. Il Premio ottiene il patrocinio morale del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Il Premio Arte Laguna attraverso l'arte ha l'obiettivo di interessare la comunità locale e internazionale ai temi della sostenibilità, nello specifico valorizzando le strategie delle RRR (Riuso, Riciclo, Riduco) con un focus sul recupero e la valorizzazione di alcuni materiali. Per il 2018 il Premio ARS: Arte Riuso e Sostenibilità si focalizzerà sulla plastica e, in particolare, sugli imballaggi prodotti in materie plastiche, con il sostegno del consorzio Corepla.

Il vincitore, che si aggiudicherà un premio di 3.000 euro, sarà scelto da un'apposita commissione di cui faranno parte oltre al Presidente di giuria del Premio Arte Laguna e curatore Igor Zanti anche l'Università Ca' Foscari e Corepla, la proclamazione ufficiale sarà in occasione dell'inaugurazione della mostra dei finalisti all'Arsenale di Venezia il 16 Marzo 2019.

Maggiori informazioni e bando di concorso sono disponibili su www.premioartelaguna.it. Guarda il video in inglese!

 

Continua a leggere
287

salone

Si avvicina un appuntamento unico per chi come noi si occupa di iniziative di educazione e comunicazione in chiave sostenibile: è il Salone della CSR e dell'Innovazione Sociale in programma a Milano, presso l'Università Bocconi, il 2 e il 3 ottobre.

Giunto alla sesta edizione, si tratta dell'evento più importante a livello nazionale per l'approfondimento dei temi della responsabilità sociale di impresa e di tutto ciò che attiene le tematiche della sostenibilità e dell'economia circolare.

Andremo dunque a dare una sbirciata (e anche qualcosa in più, come sempre) al ricco programma della due giorni costruito attorno a convegni, workshop, momenti di networking per comprendere meglio come questo mondo si muove e come, di conseguenza, costruire la nostra attività futura, i nostri progetti, i nostri servizi.

Ad accompagnarci in questa "prima assoluta" sarà il nostro nuovo partner Amapola un'agenzia di comunicazione specializzata proprio nelle tematiche della sostenibilità con la quale stiamo costruendo un nuovo progetto che a breve vedrà la luce. Ve ne parleremo per tempo!

Continua a leggere
174

gioca con asm 2

E' stata una "notte bianca" all'insegna della sostenibilità ambientale e non solo della cultura e del divertimento quella che si è svolta a Vercelli tra sabato 15 settembre e domenica 16 settembre.

Asm Vercelli (società del gruppo Iren) infatti, in collaborazione con Achab Group, ha fatto cimentare i cittadini vercellesi (e non solo) in un appassionante gioco-test sulla sostenibilità ambientale, allestendo una postazione dedicata in pieno centro, tra via Libertà e piazza Cavour e creando curiosità con alcuni pannelli riportanti delle domande di varia difficoltà relative alla raccolta rifiuti cittadina e a temi ambientali più generali, quali lo spreco alimentare, il risparmio energetico e la mobilità sostenibile.

Così decine e decine di residenti hanno potuto confrontarsi con il test "Gioca con ASM" e scoprire il proprio grado di affinità con la sostenibilità ambientale e con la raccolta differenziata. Sistema di raccolta, destinazione dei rifiuti, colore dei cassonetti, numeri dello spreco hanno appassionato soprattutto famiglie e bambini che, in cambio della loro partecipazione, hanno ricevuto un piccolo gadget.

b2ap3_thumbnail_gioca-con-asm.pngb2ap3_thumbnail_gioca-con-asm1.pngb2ap3_thumbnail_WhatsApp-Image-2018-09-15-at-21.54.57.pngb2ap3_thumbnail_WhatsApp-Image-2018-09-15-at-21.35.51.pngb2ap3_thumbnail_WhatsApp-Image-2018-09-15-at-20.30.20.pngb2ap3_thumbnail_WhatsApp-Image-2018-09-15-at-17.14.46.png

 

Continua a leggere
454

chalet

Il D. Lgs. 152/06, con le modifiche introdotte dagli articoli 37 e 38 del cosiddetto "Collegato Ambientale" (Legge n. 221 del 28 dicembre 2015) prevede delle procedure semplificate per l'autorizzazione all'esercizio di impianti di compostaggio di prossimità e di comunità.

In Piemonte è stato completato l'iter autorizzativo per una prima installazione gestita dal Consorzio CISA di Ciriè (TO), per conto del Comune di Lemie, mentre è in dirittura finale quello relativo ad una seconda installazione nel Comune di Chialamberto, entrambi localizzati nelle Valli di Lanzo.
Si tratta in tutti e due i casi di "chalet del compostaggio", ossia compostatori statici in legno, realizzati ed installati prima delle norme del Collegato Ambientale, nell'ambito di un progetto di cooperazione transfrontaliera Italia-FranciaI compostatori sono alimentati da scarti di cucina conferiti direttamente da una serie di utenze localizzate in loro prossimità. La gestione è effettuata da persone individuate dai rispettivi Comuni e coadiuvate da tecnici della Corintea di Torino. I materiali di informazione e comunicazione (pannelli e pieghevole) sono stati predisposti da Achab Group.

La procedura utilizzata per l'autorizzazione è stata quella dell'art. 37 del Collegato Ambientale, che è diventato il comma 7 bis dell'art. 214 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. Sono stati pertanto, in entrambi i casi dei due Comuni in oggetto, predisposti da CISA una scheda tecnica dell'installazione ed un regolamento di gestione dell'impianto e trasmessi all'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente (ARPA), per l'acquisizione del relativo parere. In seguito all'ottenimento di parere positivo da parte dell'ARPA, trattandosi di un intervento pubblico, a titolarità degli stessi Comuni, la denuncia di inizio di attività ai sensi del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, prevista dall'articolo del D. Lgs. 152/06 in oggetto, è stata effettuata con l'approvazione del progetto da parte del competente organo amministrativo dei Comuni.

Il Consorzio CISA di Ciriè ha proseguito la propria strategia di diffusione di piccole installazioni di compostaggio collettivo, principalmente in ambito rurale, al fine di una gestione in loco della frazione organica attraverso l'integrazione tra questa modalità e l'autocompostaggio. In questo momento l'iter autorizzativo è avviato per altre 3 installazioni.

Continua a leggere