Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina ne acconsenti all'uso.

Per saperne di piu'

Chiudi

La Provincia di Rieti lancia il contest creativo per ragazzi "Chi fa la differenza?"

da in News
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 2573
  • Stampa
2573

chi fa ladifferenza

Creatività dei nostri ragazzi cercasi. E' questo il filo conduttore del nuovo progetto che la Provincia di Rieti lancierà nelle prossime settimane negli Istituti Superiori del suo territorio. Superando un approccio più tradizionale all'educazione ambientale, sarà promosso un vero e proprio concorso di idee dal titolo: “Chi fa la differenza?”
Il contest, elaborato e sviluppato in collaborazione da Achab Group, nasce per stimolare i ragazzi sui temi legati alla sostenibilità e alla raccolta differenziata si presenta come una gara on-line a colpi di creatività. Gli autori, da soli oppure in team, potranno dedicarsi a due tipi di opere: l'ideazione di un format grafico a tema sostenibilità oppure lo sviluppo di un progetto di applicativo dedicato alla raccolta differenziata.
La scelta di queste due categorie è strettamente connessa all'opportunità di far cimentare i ragazzi in un progetto che integri le competenze che stanno maturando nel percorso formativo con la loro fantasia e capacità di sintesi.
Il sito www.chifaladifferenza.it è la piattaforma on-line su cui si giocherà la sfida. E' qui, infatti, che gli autori potranno pubblicare la loro opera e farla votare il più possibile per aggiudicarsi gli importanti premi in palio: 4 Ipad mini e un Mac Book Pro per il vincitore assoluto. Il punteggio del pubblico tramite votazione on-line sarà un fattore importante ma sarà determinante anche il voto della giuria tecnica, composta da esperti nel settore, che andrà a sommarsi ai voti ottenuti sul web.
Il contest ha anche un altro importante obiettivo: fornire ai ragazzi degli Istituti superiori una prova concreta di abilità richieste dal mondo del lavoro, che saranno illustrate in due lezioni plenarie tenute da un art director e da un project manager, grazie alla collaborazione di professionisti del settore della comunicazione ambientale.
Se pensiamo che i numeri del rapporto Green Italy 2014 parlano di 341mila imprese che investono ed assumo nel settore dell'eco-tecnologia, ci rendiamo conto di quanto sia importante attivare e sostenere gli stimoli al cambiamento degli stili vita attivando interconnessioni fra scuola, famiglie, istituzioni e mondo delle imprese.