Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina ne acconsenti all'uso.

Per saperne di piu'

Chiudi
Iscriviti a questa lista tramite RSS Post sul blog taggati in Europa
1480
bici-persone-foglie
 
“Signals (Segnali)”, il Rapporto che l’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA) pubblica ogni anno che fornisce temi ambientali volti a stimolare la discussione all'interno del grande pubblico quest’anno si focalizza sui trasporti.  “Verso la mobilità verde ed intelligente” è il titolo di una serie di articoli dedicati alla tematica e Achab Group si sente pienamente dentro alla discussione grazie alla promozione di Flootta, il nuovo sistema di car-pooling lanciato da Inno.vie
 
I trasporti sono ormai fondamentali e indispensabili nel nostro stile di vita, ma il crescente utilizzo di aerei, automobili e autocarri che fanno uso di carburanti fossili stanno causando un maggior inquinamento, mettendo a rischio ambiente e salute, con circa un quarto delle emissioni imputabili al settore, tanto che nell’UE lo stesso settore trasporti è dipendente al 94% dall’oro nero. C’è necessità dunque di incentivare e aumentare soluzioni alternative al fossile ad ogni livello, non solo per ridurre l’inquinamento dell’aria ma anche per normalizzare quello acustico: in Europa si registrano 43 mila ricoveri in ospedale e circa 10 mila morti premature all’anno a causa di malattie correlate alla non sopportabilità delle emissioni acustiche, come disturbi cardiocircolatori o ipertensione e stress.
 
Secondo il rapporto, il settore europeo dei trasporti può essere trasformato in un sistema più verde e intelligente grazie all’adozione di politiche comuni, non solo nelle città, dove già ci sono buoni esempi di “sharing economy” dei trasporti, ma anche e soprattutto nel settore turistico. La soluzione migliore per un viaggio, singolo o abituale, entro i 5km in ogni caso è sempre l’uso della bicicletta!
 
E i carburanti e le vetture alternative al fossile? Secondo il rapporto bisogna incentivare il mercato seguendo le indicazioni dei consumatori che, oltre ad una questione di prezzo, sono incentivati all’acquisto di vetture con carburanti alternativi solo quando si sentono sicuri di poter fare rifornimenti comodi, che durino per un numero ragionevole di km e senza l’ansia di poter rimanere “a secco”.
Il sistema fiscale potrebbe poi preparare il terreno, aumentando le tasse per le modalità di trasporto più inquinanti e riducendolo per le soluzioni più green, proprio per il maggior utilizzo e acquisto di mezzi alternativi. Anche una introduzione di pedaggi equi ed efficienti sulla base del del principio “chi inquina, paga” potrebbe guidare i cittadini verso scelte di mobilità più sostenibile!
 
Continua a leggere
1827

moss-594461_1280.jpg

È stato pubblicato nei mesi scorsi il rapporto L'ambiente in Europa – Stato e prospettive nel 2015 (SOER2015) dell’Agenzia Europea dell’Ambiente che valuta per 33 paesi europei in modo integrato dati a livello globale, regionale e nazionale, accompagnati da confronti tra vari Paesi.

Ecco i punti salienti evidenziati per tematica:

  • Rifiuti: la gestione dei rifiuti in Europa è migliorata negli ultimi anni, con un calo della produzione totale e, soprattutto, del conferimento in discarica. I Paesi membri e i Paesi che cooperano con l’Agenzia (denominati AEA33), hanno raggiunto un tasso medio di riciclo del 29% nel 2012, (+ 7% sul 2004). I rifiuti urbani smaltiti in discarica, nel 2014, sono stati pari a circa 9,3 milioni di tonnellate, (meno 14% in un anno, 1,6 milioni di tonnellate di rifiuti). Purtroppo però c’è molta disparità tra i vari paesi: c’è ancora chi usa molto o quasi totalmente la discarica.
  • Acque: l'inquinamento che proviene dal settore agricolo è ancora un dato che non convince ma le concentrazioni di nitrati medi nei fiumi europei si sono ridotte di oltre il 20% tra il 1992 e il 2012, mentre le concentrazioni di ortofosfato sono più che dimezzate.
  • Energia: si registra fortunatamente un aumento della quota di energie rinnovabili in 32 paesi su 34 a fronte di un piccolo aumento del consumo energetico lordo.
  • Aria: Tra il 1990 e il 2012 le emissioni di gas a effetto serra nell’Unione Europea a 28 stati sono diminuite del 19%, nonostante un incremento del 45% della produzione economica. Anche qui però, negli Stati esaminati (AEA33) ci sono tendenze diverse, con emissioni in calo in 22 paesi (tra cui l’Italia) e in aumento in 11.

Il rapporto completo e le analisi sintetiche sono disponibili al seguente link

 

 

Continua a leggere
2238

Innovalba, il Piano dedicato al miglioramento del tessuto urbano e sociale

albano plusIl programma operativo P.L.U.S. (Piano Locale Urbano di Sviluppo) “INNOVALBA” si propone la riqualificazione e il potenziamento di alcune strutture esistenti ad Albano, in particolare all’interno del quartiere Cecchina, situato ad est del Centro Storico. Cecchina, per sua collocazione geografica ed urbanistica, si è qualificata nel corso degli anni come area periferica rispetto al resto della città, sia in relazione alla fruizione di servizi che per ciò che concerne lo sviluppo del tessuto sociale ed il coinvolgimento della popolazione residente.
Gli obiettivi primari del Piano sono quindi la rivitalizzazione delle attività economiche, l’incremento dei servizi pubblici, il miglioramento delle condizioni di vita mediante interventi urbanistici volti a costruire veri e propri luoghi di relazione: un centro civico polivalente, un auditorium ma anche una scuola materna ed una mensa.
La riqualificazione delle aree coinvolte è stata concepita a vantaggio non solo dei residenti, ma di tutti gli abitanti del complesso urbano in generale. Gli interventi e i nuovi servizi previsti saranno realizzati attraverso opere di recupero urbanistico e con la creazione di un Polo di Formazione e Istruzione.
L’intero Piano è realizzato dall’Amministrazione Comunale di Albano Laziale, finanziato e controllato dalla Regione Lazio, dallo Stato Italiano e dall’Unione Europea nell’ambito del POR FESR 2007/2013 (programma operativo regionale del fondo europeo di sviluppo regionale).
Il Piano di Comunicazione sottende a tutte le attività è strettamente legato a strumenti e attività che “aprano” i cantieri ai cittadini e ai gruppi di interesse locali ed è stato costruito da Achab Group per conto di Corintea, società incaricata dal Comune. La strategia prioritaria è quella di utilizzare canali di comunicazione tradizionali ma anche nuove tecnologie  per “comunicare i cantieri”, condividere i progressi ed gli obiettivi dando ai cittadini la possibilità di riappropriarsi degli spazi urbani e sviluppare un nuovo senso di identità.

La conferenza stampa tenutasi ieri ad Albano ha presentato gli interventi e gli attori che realizzeranno questo ambizioso progetto.

Continua a leggere
2810

Uno studio europeo afferma che il 51% del trasporto merci potrebbe avvenire in bicicletta

Cyclelogistics è un progetto promosso dall’Unione Europea al fine di definire, attraverso l’uso molteplici strumenti d’indagine socio-economica, quali siano i possibili scenari di mobilità sostenibile nelle grandi città europee. Con l’obiettivo di creare una rete di aziende interessate al trasporto merci in bicicletta, è stato condotto uno studio specifico dagli esiti che alcuni potranno definire sorprendenti.
Nei 322 centri urbani coinvolti emerge, infatti, che il 51% dei trasporti potrebbe essere fatto in bicicletta. Il dato è calcolato sulla base di un peso del materiale che non superi i 200 chilogrammi e per una distanza inferiore a 7 chilometri per le biciclette a pedalata assistita e a 5 per quelle normali.
I potenziali vantaggi di un trasporto merci gestito in gran parte “a pedali” non si fermano però al miglioramento della qualità dell’aria, specie nelle zone a forte valenza commerciale, ma hanno un intrinseco valore di efficienza che emerge proprio nelle zone con una rete stradale più fitta e quindi meno adatta al traffico di grandi mezzi, come ad esempio i centri storici. Non dimentichiamo, infine, l’assoluta flessibilità in fatto di parcheggio.
Se pensiamo, però, che il 22% degli spostamenti urbani sono effettuati dai cittadini per esigenze di shopping o loisir possiamo affermare che con un cambiamento di abitudini quotidiane ciascun cittadino può dare concretamente un contributo ad una mobilità più sostenibile nella propria città. D’altra parte, solo il 6% degli spostamenti per acquisti richiederebbe il reale bisogno di un’automobile privata.

Per chi fosse interessato ad approfondire, è disponibile lo studio completo.

 

Fonte: Wired.it

Continua a leggere