Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina ne acconsenti all'uso.

Per saperne di piu'

Chiudi
Iscriviti a questa lista tramite RSS Post sul blog taggati in Legambiente
214

ricicloniCalabria

Si è svolta a Catanzaro la 3^ edizione dei "Comuni Ricicloni Calabria", manifestazione organizzata da Legambiente Calabria per premiare i Comuni calabresi che si sono contraddistinti nella gestione dei rifiuti urbani. Nel suo complesso la Regione si attesta al 33,2% di raccolta differenziata, in ascesa rispetto al 25% del 2015 ma con tanta strada da fare verso l'obiettivo del 65%. Sono i piccoli Comuni a dare il buon esempio nella gestione dei rifiuti, come già accaduto in altre Regioni, mentre le città fanno fatica ad allinearsi verso modelli di gestione incentrati sulla raccolta differenziata. Fanno eccezione Cosenza e Catanzaro che hanno avviato raccolte domiciliari su tutto il territorio comunale ed i cui risultati sono incoraggianti. Resta il nodo degli impianti di trattamento che rappresenta la vera criticità di tutte le Regioni del Sud Italia per una gestione ottimale dei rifiuti sia dal punto di vista economico che ambientale.

Nella top ten dei Comuni Ricicloni della Calabria, anche quest'anno Casole Bruzio si classifica al primo posto con il 91,8% di raccolta differenziata (RD). Proseguendo nella classifica dei dieci Comuni ricicloni troviamo, sempre in provincia di Cosenza, San Giorgio Albanese, San Benedetto Ullano, San Vincenzo La Costa, Pietrafitta, Carolei, Civita e San Pietro in Guarano ed infine Mongiana in provincia di Vibo Valentia. I Primi 8 Comuni sono anche "Comuni rifiuti free", ovvero le amministrazioni che, oltre ad aver superato il 65% di differenziata finalizzata al riciclaggio, hanno contenuto anche la produzione pro-capite di secco residuo al di sotto dei 75 Kg/anno/abitante. I Comuni rifiuti free calabresi di questa edizione sono 14 di cui ben 12 nella provincia di Cosenza (Scigliano, Casole Bruzio, San Giorgio Albanese, San Benedetto Ullano, San Vincenzo La Costa, Trenta, Pietrafitta, Carolei, Civita, Serra Pedace, Morano Calabro, Mongrassano) e 2 in quella di Catanzaro (Cardinale e Amato). Menzioni speciali sono state consegnate dal Conai al Comune di Catanzaro come migliore "Start Up"; al Comune di Cosenza come "Best Practice" e al Comune di Villapiana come "Teniamoli d'Occhio".

Francesco Falcone, Presidente di Legambiente Calabria, ha affermato che "alla luce di questi importanti risultati, è necessario spingere le politiche di gestione dei rifiuti a scoraggiare il ricorso alle discariche, favorendo la raccolta differenziata "porta a porta" con un sistema impiantistico a supporto e con impianti di prossimità per la gestione anaerobica del rifiuto organico. Da parte loro anche i Sindaci sono chiamati a farsi carico delle proprie responsabilità avviando gli ATO e definendo le ARO".
Anche Laura Brambilla, responsabile nazionale Comuni Ricicloni, ha evidenziato che "l'aumento dei Comuni Ricicloni e la presenza di Comuni Rifiuti Free in Calabria siano un dato positivo anche se c'è preoccupazione per la restante parte dei Comuni calabresi, alcuni dei quali ancora a livelli di raccolta differenziata inaccettabili".

L'Assessore regionale all'Ambiente Rizzo ha evidenziato che "il costante aumento in Calabria della raccolta differenziata che ha fatto registrare un balzo in avanti di ben 8 punti percentuali, passando dal 25% del 2015 al 33,2%, dimostra che la nostra Regione è ben salda su un percorso corretto che ci incoraggia a tendere verso il raggiungimento della percentuale del 65% di raccolta differenziata da raggiungere entro il 2020. Per tale motivo è prioritario il recupero della frazione umida attraverso il compostaggio, la promozione delle filiere del riutilizzo e del riciclo".

Continua a leggere
822

 news comuni ricicloni 1

L'iniziativa di Legambiente, patrocinata dal Ministero dell'Ambiente, premia le comunità locali, amministratori e cittadini, che hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti: raccolte differenziate avviate a riciclaggio, ma anche acquisti di beni, opere e servizi, che abbiano valorizzato i materiali recuperati da raccolta differenziata.

Comuni Ricicloni è un importante momento di verifica e di comunicazione degli sforzi compiuti per avviare e consolidare la raccolta differenziata, e, in prospettiva più ampia, un vero e proprio sistema integrato di gestione dei propri rifiuti, da parte di Comuni, Unioni di Comuni, Comunità Montane e Consorzi.

Come aderire? Comuni, Unioni di Comuni, Comunità Montane dovranno comunicare i propri dati attraverso:

* la compilazione della scheda di partecipazione on line, oppure
* scaricando il pdf da compilare a mano e inviare via fax al numero 02.97699303.

I Consorzi dovranno, invece, obbligatoriamente utilizzare:
* file excel opportunamente predisposto, senza apportare modifiche in nessuna sua parte, e trasmetterlo all'indirizzo di posta elettronica comuniricicloni@legambiente.it.

Le adesioni devono pervenire, tassativamente, entro il 5 maggio 2017. Al fine di inviare i dati correttamente si invita ad una attenta lettura del bando di partecipazione.

Infine, qualche spiegazione sulla riduzione dei rifiuti indifferenziati prodotti: viene confermato il criterio premiante per entrare nelle graduatorie, i Comuni, oltre ad aver raggiunto la soglia di legge del 65% di raccolta differenziata, dovranno aver prodotto un quantitativo di rifiuto indifferenziato inferiore o uguale ai 75 Kg/abitante/anno.

Continua a leggere
1022

ricicloni calabria

L'ultima edizione di Comuni Ricicloni Calabria traccia un quadro incoraggiante per quanto concerne la gestione dei rifiuti della regione. Dopo anni di immobilismo si sta percorrendo una nuova e proficua strada: i Comuni calabresi che hanno superato il 65% di raccolta differenziata sono raddoppiati, passando da 10 a 20, di cui 19 appartenenti alla provincia di Cosenza ed uno alla provincia di Reggio Calabria.

Tra i Campioni dell'economia circolare calabresi hanno ricevuto menzioni speciali il Comune di Cosenza che, nell'agosto del 2016, ha fatto registrare il 52,75% di raccolta differenziata ed i Comuni di Catanzaro (60% di RD a settembre 2016) e Gimigliano (CZ) che si sono aggiudicati il premio "Start Up" grazie all'introduzione del modello di raccolta domiciliare dei rifiuti, il cosiddetto "porta a porta".

"C'è molta parte di questa terra – afferma il Presidente di Legambiente Calabria Franco Falcone – che dimostra che i risultati possono essere raggiunti senza necessariamente attendere il 2020, come delineato dal Piano Regionale dei rifiuti. L'importante è che si voglia concretamente avviare quel processo riformatore e quel salto tecnologico auspicato da anni. La virtuosità della città di Catanzaro, di Cosenza e di molte Amministrazioni della provincia cosentina è un segnale che fa ben sperare e su cui far leva per dimostrare – aggiunge Franco Falcone – che, anche in Calabria, la raccolta si può fare. Catanzaro e Cosenza rappresentano la dimostrazione di come si riesca a raggiungere obiettivi significativi anche nelle città capoluogo delle regioni in eterna emergenza".

Storie ed opportunità dell'economia circolare, quelle di Cosenza, Catanzaro e Gimigliano, rese possibili, oltre all'importante supporto del Conai, anche grazie ad efficaci e capillari campagne di comunicazione integrate – ideate e realizzate da Achab Med – che hanno accompagnato l'avvio del "porta a porta" e facilitato la comprensione, per tutte le fasce d'età, del nuovo servizio di raccolta differenziata.

Per una Calabria virtuosa nella gestione del ciclo dei rifiuti la strada da percorrere è ancora lunga e difficile ma, come dimostrano le recenti esperienze dei Comuni Ricicloni Calabresi e dall'estensione del "porta a porta" in altri Comuni della regione Calabria - presto partirà anche nel Comune di Villapiana (CS) – il trend positivo è in continua crescita.

Continua a leggere
2132
comuniriciclonicalabriaEntusiasmo e grande partecipazione per la prima edizione di Comuni Ricicloni Calabria, svoltasi giovedì 11 novembre a Cosenza. Un evento che evidenzia l'inversione di tendenza in atto in Calabria in merito alla gestione dei rifiuti.
I dati del Dossier regionale della Calabria, consegnati nel corso dell'incontro, sono stati analizzati alla presenza del vicepresidente nazionale di Legambiente Stefano Ciafani. Ad aprire i lavori, il presidente di Legambiente Calabria Francesco Falcone. Sono intervenuti, tra gli altri:
 
- l'Assessore Regionale all'ambiente Antonietta Rizzo,
- il Sindaco e Presidente della Provincia di Cosenza Mario Occhiuto;
- il Responsabile dei progetti territoriali del Conai Fabio Costarella;
- il Capo di gabinetto del Comune di Catanzaro Antonio Viapiana;
- il Direttore generale Arpacal Sabrina Santagati
- il Presidente di Legambiente Campania Michele Buonomo;
- il presidente Legambiente Basilicata Marco De Biase.
 
Primo classificato, nella speciale classifica di Legambiente, il Comune di Lappano, con il 70,5% di raccolta differenziata. A seguire, i Comuni di Roccella Jonica e Bocchigliero. Spicca la città di Cosenza (67.000 ab.) con il 45% di raccolta differenziata nel 2014 (anno in cui è stato avviato il porta a porta in città ed a cui si riferisce la classifica), raggiungendo circa il 60% nel corso del 2015.
 
"Ringraziamo Achab Med per il supporto all¹organizzazione dell'evento” - ha dichiarato Francesco Falcone, Presidente di Legambiente Calabria - “la prima edizione di Comuni Ricicloni Calabria ha l'ambizione di spingere la nostra Regione a compiere un forte salto di qualità sul tema della gestione dei rifiuti e ci auguriamo che gli anni a venire vedranno risultati sempre più positivi sulle percentuali di raccolta differenziata".
 
Per Achab Med ed Achab Group è stato davvero un piacere poter supportare i processi di cambiamento di cui Legambiente è da sempre promotrice.
 
 
 
 
Continua a leggere
1971
comuni ricicloni calabriaSi svolgerà mercoledì 11 novembre 2015 presso la Provincia di Cosenza la 1^ edizione di "Comuni ricicloni Calabria", organizzato da Legambiente Calabria che premia i Comuni calabresi che si sono distinti nella gestione rifiuti.
 
"Finalmente anche in Regione Calabria c'è una inversione di tendenza nella gestione rifiuti - afferma Francesco Falcone, Presidente di Legambiente Calabria - lo testimoniano i "primi" Comuni ricicloni calabresi che hanno saputo dare una svolta alla gestione rifiuti puntando sulla raccolta differenziata. Speriamo che il premio possa stimolare le Amministrazioni locali a fare di più per una gestione virtuosa dei rifiuti che vede la Regione Calabria agli ultimi posti in Italia per la percentuale di raccolta differenziata". 
 
Achab Group e' sponsor dell'iniziativa e sarà presente all'evento con un desk informativo per far conoscere ad Enti ed aziende le soluzioni per una gestione sostenibile dei rifiuti.
Continua a leggere
2047

occhiutiContinua l’inanellarsi di riconoscimenti della Città di Mantova da parte di Legambiente. Questa volta è avvenuto direttamente ad Ecomondo, con la premiazione per le Best Practice 2015 nell’ambito di Ecosistema Urbano nel settore rifiuti. La città lombarda ha infatti ottenuto due notevoli risultati:

1. E’ la città in Italia capoluogo di provincia che più di ogni altra ha migliorato la sua performance di raccolta differenziata in un anno: da 41.2% nel 2013 al 76.7% nel 2014, con un +35,5% davvero eccezionale.

2. Ha diminuito, sempre dal 2013 al 2014, la produzione pro capite di rifiuti in modo altrettanto sostanzioso: da 760 kg a 518,8.

Anche grazie a Mantova Ambiente – Gruppo Tea, dunque, che da anni porta avanti realizzazioni di sistemi di raccolta domiciliari (e che proprio in questo contesto urbano ha anche sperimentato con successo un sistema con sacchi a perdere dotati di tag RFID), adattandoli ad ogni tipo di territorio ed accompagnandoli a campagne informative complete ed integrate e ad iniziative di educazione ambientale nelle scuole, la città di Mantova ha raggiunto un posto di élite tra i capoluoghi di provincia italiani in gestione dei rifiuti.

Continua a leggere
1416
eu 2015Buongiorno! Seconda giornata di Ecomondo, oggi segnaliamo questo interessantissimo evento che coinvolge le amministrazioni pubbliche all’Agorà della Città Sostenibile! 
Dalle ore 12.00 dunque si premieranno le Best Practice 2015 di Ecosistema Urbano di Legambiente. Verranno assegnati gli annuali premi alle pubbliche amministrazioni di città che si saranno contraddistinte per attenzione alla sostenibilità in un particolare campo ovvero rifiuti, energia e mobilità urbana. Le best practice vengono segnalate da Legambiente sulla base dei dati disaggregati dell´indagine tecnica "Ecosistema Urbano", che Legambiente e Ambiente Italia svolgono da 22 anni.  
Ecosistema Urbano è un rapporto di Legambiente realizzato con la collaborazione scientifica dell´Istituto di ricerche Ambiente Italia ed editoriale de Il Sole 24 Ore.
 
Ecosistema Urbano rappresenta e valuta i carichi ambientali, la qualità delle risorse e la capacità di gestione e tutela ambientale dei comuni capoluogo italiani. Il rapporto raccoglie annualmente informazioni su parametri ambientali per un corpus totale di oltre 125mila dati, traendone una fotografia ambientale. Gli indicatori utilizzati servono a pesare la sostenibilità ambientale della città e quindi, in particolare, il carico che le attività economiche e gli stili di vita generano sulle risorse ambientali e la qualità delle risposte messe in atto. Nel corso degli ultimi anni l´insieme delle città italiane ha mostrato un leggero miglioramento sulla gran parte dei parametri relativi alla qualità ambientale ed alla gestione, mentre sono incrementati i carichi ambientali, in particolare consumi energetici, carburanti e rifiuti. L'obiettivo importante che si pone Ecosistema Urbano è quello di misurare la 'febbre' ambientale delle città e l´efficacia delle prescrizioni messe in atto: lungi dal rappresentare un Oscar assegnato alla qualità ambientale complessiva di un´area, esso vuole essere una sorta di 'termometro' della sostenibilità. È fondamentale, infatti, ricordare che la complessiva 'qualità ambientale' di una città include una molteplicità di fattori non sempre misurabili. Si pensi, ad esempio, a tutta una serie di aspetti - come la struttura urbanistica, l´integrazione tra spazi verdi ed edificato, la qualità e l´aspetto degli edifici, il clima - che sono difficilmente riconducibili ad un indicatore numerico. Le Best Practice sono l'occasione per far partire una riflessione di sostenibilità complessiva attorno a cui le amministrazioni possono muoversi per migliorare complessivamente.
Continua a leggere
2119

asvo comuniricicloniE’ un riconoscimento di prestigio, quello conferito martedì scorso 7 Luglio, da Legambiente ad Asvo s.p.a. (Ambiente Servizi Venezia Orientale) in occasione di Comuni Ricicloni 2015 (evento patrocinato dal Ministero dell’Ambiente).

 

L’azienda veneta infatti, oltre agli importanti risultati raggiunti in termini di raccolta differenziata, si è contraddistinta nel campo della comunicazione ambientale multicanale e, citando le motivazioni che hanno portato a questo significativo premio, in particolar modo per l’efficacia, la continuità e anche il coordinamento grafico tra tutti gli strumenti di comunicazione utilizzati, web, intranet e cartaceo per informare in tempo reale ed in modo esaustivo gli utenti sui servizi ambientali gestiti dalla società.

 

“Un riconoscimento che premia ASVO - afferma il Presidente Michelutto- ma anche e soprattutto i 100.000 utenti residenti nei comuni soci che, con il loro impegno quotidiano e la preziosa collaborazione con l’azienda, grazie anche ad una comunicazione puntuale e continua sul territorio, hanno raggiunto, insieme, prestigiosi risultati a livello nazionale”.

 

Clicca qui per vedere il video che ASVO ha appositamente realizzato in occasione della premiazione!

 
Continua a leggere