Iscriviti e ricevi le nostre Notizie Sostenibili.
Abbiamo sempre 1.000 progetti attivi.
I nostri creativi non si fermano mai: campagne di comunicazione, percorsi educativi, progetti teatrali, pubblicazioni e ricerche.
Se hai piacere di essere aggiornato iscriviti alla nostra newsletter NoteS e riceverai solo Notizie Sostenibili.

Iscriviti!


 *

 

 

Notes - Notizie sostenibili

Progetto Alisto

Com’è cambiata la veduta aerea dai primi ‘900 ai giorni nostri

alisto

Volare sui campi di battaglia della prima guerra mondiale superando le barriere culturali, per conoscere e valorizzare il patrimonio storico: questo il tema di ALISTO, progetto finanziato nell'ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dai fondi nazionali.
Il progetto ha un duplice obiettivo: ricostruire con metodologia di ricerca scientifica il paesaggio storico tramite mappatura sul modello digitale (DTM) dalle foto aeree scattate nel corso della Grande Guerra, comparandole con il paesaggio odierno e migliorare la comunicazione e la cooperazione sociale e culturale, anche al fine di rimuovere le barriere persistenti rappresentate dalle differenze linguistiche, dalla presenza del confine e da eventi storici che spesso hanno contrapposto popoli che risiedono a una manciata di chilometri gli uni dagli altri.
Tutti i dati derivanti dalla ricerca storico-scientifica confluiranno in materiali informativi per il grande pubblico quali: mostre, testi ed una banca dati condivisa pubblicata sul portale web. Achab Group ha curato la creazione della mostra “Aviazione e volo nella grande guerra” visibile in anteprima sul sito ufficiale del progetto ALISTO.
Le foto storiche aeree e le notizie sui campi di volo della Prima guerra mondiale saranno, inoltre, messe a disposizione di un più vasto pubblico attraverso lo strumento dei simulatori di volo avvicinando così al tema anche le scuole e una fascia di popolazione più ampia di quella interessata al tema specifico della guerra o dell’aviazione.

 

LeftoverSwap

Le eccedenze alimentari delle famiglie statunitensi condivise con lo smartphone

L'idea è di quelle che fanno riflettere in maniera immediata: quante volte abbiamo in frigo o in dispensa prodotti alimentari prossimi alla scadenza? E se potessimo offrirli a qualche nostro vicino, magari in cambio di altri prodotti di cui invece siamo rimasti senza?

Negli Stati Uniti Dan Newman e Bryan Summersett hanno creato LeftoverSwap, un'applicazione da installare sul proprio smartphone che mette in contatto chi ha comprato o cucinato cibo in eccesso e chi magari vorrebbe mangiarlo. Il meccanismo è molto semplice: l'app prevede un log-in per "letfover takers" interessati a ritirare il cibo offerto e un altro per "leftover givers" che fotografando e localizzando su una mappa la porzione di cibo in questione, la mettono a disposione dei takers interessati. Una funzione chat permette infine di scambiarsi le informazioni di dettaglio e concordare le modalità di ritiro.
L'applicazione è gratuita ma al momento è disponibile in inglese e solo per dispositivi Apple, gli sviluppatori hanno dichiarato che stanno lavorando alla versione per Android.

Con l'avvicinarsi delle festività natalizie è quanto mai importante che tutti aumentino il senso di consapevolezza del proprio spreco alimentare, spesso legato alla semplice mancanza di organizzazione al momento dell'acquisto o della preparazione ai fornelli.
Quindi, se non possiamo installare la nuova app sul nostro smartphone, ricordiamoci almeno di fare sempre la "lista della spesa"! Ci aiuterà davvero a contenere sprechi ingiusti sia dal punto di vista della soliderietà che della sostenibilità.

Approfondimenti tecnici

Nessun articolo in questa categoria.