Iscriviti e ricevi le nostre Notizie Sostenibili.
Abbiamo sempre 1.000 progetti attivi.
I nostri creativi non si fermano mai: campagne di comunicazione, percorsi educativi, progetti teatrali, pubblicazioni e ricerche.
Se hai piacere di essere aggiornato iscriviti alla nostra newsletter NoteS e riceverai solo Notizie Sostenibili.

Iscriviti!


 *

 

 

Notes - Notizie sostenibili

LeftoverSwap

Le eccedenze alimentari delle famiglie statunitensi condivise con lo smartphone

L'idea è di quelle che fanno riflettere in maniera immediata: quante volte abbiamo in frigo o in dispensa prodotti alimentari prossimi alla scadenza? E se potessimo offrirli a qualche nostro vicino, magari in cambio di altri prodotti di cui invece siamo rimasti senza?

Negli Stati Uniti Dan Newman e Bryan Summersett hanno creato LeftoverSwap, un'applicazione da installare sul proprio smartphone che mette in contatto chi ha comprato o cucinato cibo in eccesso e chi magari vorrebbe mangiarlo. Il meccanismo è molto semplice: l'app prevede un log-in per "letfover takers" interessati a ritirare il cibo offerto e un altro per "leftover givers" che fotografando e localizzando su una mappa la porzione di cibo in questione, la mettono a disposione dei takers interessati. Una funzione chat permette infine di scambiarsi le informazioni di dettaglio e concordare le modalità di ritiro.
L'applicazione è gratuita ma al momento è disponibile in inglese e solo per dispositivi Apple, gli sviluppatori hanno dichiarato che stanno lavorando alla versione per Android.

Con l'avvicinarsi delle festività natalizie è quanto mai importante che tutti aumentino il senso di consapevolezza del proprio spreco alimentare, spesso legato alla semplice mancanza di organizzazione al momento dell'acquisto o della preparazione ai fornelli.
Quindi, se non possiamo installare la nuova app sul nostro smartphone, ricordiamoci almeno di fare sempre la "lista della spesa"! Ci aiuterà davvero a contenere sprechi ingiusti sia dal punto di vista della soliderietà che della sostenibilità.

Trasporto merci in bicicletta

Uno studio europeo afferma che il 51% del trasporto merci potrebbe avvenire in bicicletta

Cyclelogistics è un progetto promosso dall’Unione Europea al fine di definire, attraverso l’uso molteplici strumenti d’indagine socio-economica, quali siano i possibili scenari di mobilità sostenibile nelle grandi città europee. Con l’obiettivo di creare una rete di aziende interessate al trasporto merci in bicicletta, è stato condotto uno studio specifico dagli esiti che alcuni potranno definire sorprendenti.
Nei 322 centri urbani coinvolti emerge, infatti, che il 51% dei trasporti potrebbe essere fatto in bicicletta. Il dato è calcolato sulla base di un peso del materiale che non superi i 200 chilogrammi e per una distanza inferiore a 7 chilometri per le biciclette a pedalata assistita e a 5 per quelle normali.
I potenziali vantaggi di un trasporto merci gestito in gran parte “a pedali” non si fermano però al miglioramento della qualità dell’aria, specie nelle zone a forte valenza commerciale, ma hanno un intrinseco valore di efficienza che emerge proprio nelle zone con una rete stradale più fitta e quindi meno adatta al traffico di grandi mezzi, come ad esempio i centri storici. Non dimentichiamo, infine, l’assoluta flessibilità in fatto di parcheggio.
Se pensiamo, però, che il 22% degli spostamenti urbani sono effettuati dai cittadini per esigenze di shopping o loisir possiamo affermare che con un cambiamento di abitudini quotidiane ciascun cittadino può dare concretamente un contributo ad una mobilità più sostenibile nella propria città. D’altra parte, solo il 6% degli spostamenti per acquisti richiederebbe il reale bisogno di un’automobile privata.

Per chi fosse interessato ad approfondire, è disponibile lo studio completo.

 

Fonte: Wired.it

Non alcoholic

Flash mob alcohol free a Pordenone

Pannello-autobus 4

Friuli Venezia Giulia, Veneto e land austriaco della Carinzia uniti per fronteggiare il problema dell’abuso di alcol tra i ragazzi. Le tre regioni stanno collaborando con Achab Group e l’agenzia MOCA alla campagna NON ALCOHOLIC, DRINK YOUR LIFE! promossa tramite canali di socializzazione 2.0, eventi e flash mob.
Il progetto nell’ambito di
All4you, finanziato dal Programma Interreg IV Italia-Austria 2007-2013 e promosso dalle tre Regioni e dalle Aziende Sanitarie Locali, sostiene il benessere giovanile ed ha come obiettivo la promozione, tra i giovani dell’area transfrontaliera, di uno stile di vita sano e di comportamenti che contrastino il consumo di alcol quale strumento di socializzazione e ricerca del benessere fra i giovani, in particolare nella fascia d’età dai 14 ai 24 anni.
Il 25 ottobre scorso a Pordenone è stato realizzato tramite le piattaforme social attive (Facebook, Instagram e YouTube) il flash mob NON ALCOHOLIC, DRINK YOUR LIFE! che ha coinvolto i ragazzi, le amministrazioni e le associazioni locali ed ha prodotto un video disponibile sul canale YouTube di Achab Group.
Il marketing mix della campagna ha integrato l’azione sinergica di strumenti virali off-line quali adesivi, cartoline e affissioni su mezzi pubblici e l’animazione dei network  Instagram, Facebook ed YouTube utilizzate sia dagli organizzatori che dai ragazzi stessi, in perfetta sintonia con l’obiettivo di generare un forte coinvolgimento ed empatia tra gli attori coinvolti.

Guarda il video del flash mob!

[embed=videolink]{"video":"http://www.youtube.com/watch?v=Rr6EUn4UwQ8","width":"400","height":"225"}[/embed]

Approfondimenti tecnici

Nessun articolo in questa categoria.