Iscriviti e ricevi le nostre Notizie Sostenibili.
Abbiamo sempre 1.000 progetti attivi.
I nostri creativi non si fermano mai: campagne di comunicazione, percorsi educativi, progetti teatrali, pubblicazioni e ricerche.
Se hai piacere di essere aggiornato iscriviti alla nostra newsletter NoteS e riceverai solo Notizie Sostenibili.

Iscriviti!

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l’iscrizione

Privacy Policy

13 Gennaio 2021

La Legge di Bilancio 2021 e l’ambiente

La legge 30 dicembre 2020, n. 178 (legge di bilancio 2021) contiene diverse disposizioni di interesse ambientale. A parte le norme note al grande pubblico, come la Proroga delle detrazioni fiscali per l’efficientamento energetico e per il “bonus facciate” (articolo 1, commi 58-60), la Proroga del “Bonus 110%” per interventi di efficientamento energetico, che comprende anche il bonus sismico e agevolazioni al fotovoltaico (articolo 1, commi66-74), la Proroga del “bonus verde” (sistemazione a verde di aree scoperte private, articolo 1, comma76) e il rifinanziamento del Fondo per i contributi per l’acquisto di motoveicoli elettrici o ibridi nuovi anche per gli anni dal 2021 al 2026 articolo 1, comma 691), proviamo a ricordarne alcune.

 

ACQUA

  • il “bonus idrico” (articolo 1, commi 61-65), ossia la concessione di un contributo di 1.000 euro per interventi di sostituzione di vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto e di apparecchi di rubinetteria sanitaria, soffioni doccia e colonne doccia esistenti con nuovi apparecchi a limitazione di flusso d’acqua, su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari. Il bonus è da utilizzare entro il 31 dicembre 2021, modalità e i termini saranno stabiliti entro 60 gg con decreto del Ministro dell’ambiente
  • il credito imposta (articolo 1, commi 1087-1089) per l’acquisto di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e addizione di anidride carbonica con lo scopo del miglioramento dell’acqua potabile e la riduzione del ricorso all’acqua in bottiglia; il credito arriva ad un massimo, per le persone fisiche non esercenti attività economica, di 1.000 euro per ciascuna unità immobiliare e, per gli altri soggetti, a 5.000 euro per ciascun immobile adibito all’attività commerciale o istituzionale. Criteri e modalità di applicazione in un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge. E’ anche prevista la valutazione di questa misura attraverso il monitoraggio della riduzione del consumo di contenitori di plastica per acque destinate ad uso potabile
  • il “Fondo per la promozione dell’uso consapevole della risorsa idrica” (articolo 1, comma752), con un budget di 500.000 euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022destinato a campagne informative per gli utenti del servizio idrico da effettuare in collaborazione con l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente (Arera). Le modalità di utilizzo del Fondo saranno definite con Dm Ambiente , da adottare entro il 2 marzo 2021.

Legato ancora al tema dell’acqua si può citare il provvedimento che rende permanente la possibilità di usare 100% di PET riciclato per le bottiglie in plastica, prima limitata solo al 2021 (articolo 1, comma1085.) 

 

GESTIONE RIFIUTI E PARCHI

Sul tema della gestione dei rifiuti va segnalato l’impulso alla tariffazione puntuale nelle Zone economiche ambientali (ZEA) previsto all’articolo 1, commi 767-769. Infatti al fine di incentivare l’adozione dei sistemi di misurazione puntuale dei rifiuti conferiti dalle utenze domestiche al servizio pubblico nei comuni aventi la propria superficie in tutto o in parte compresa all’interno delle ZEA è istituito il “Fondo per la promozione della tariffazione puntuale” con una dotazione pari a 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022. Agli enti di governo d’ambito composti dai comuni di cui sopra o, laddove non costituiti, ai comuni è erogato un contributo per la copertura fino al 50 per cento dei costi sostenuti per l’acquisto delle infrastrutture tecniche e informatiche necessarie per l’adozione di uno dei sistemi di misurazione puntuale. Si ricorda che l’articolo 4-ter, comma 1 DL 111/2019, c.d. “Decreto Clima”, come convertito dalla legge 141/2019, prevede che il territorio di ciascuno dei parchi nazionali costituisce una zona economica ambientale. Criteri e modalità saranno stabiliti con decreto del Ministro dell’ambiente da adottare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di Bilancio.

Parallelo a questo intervento vi è l’istituzione di un fondo (articolo 1, commi770-771) denominato “Contributi per la promozione di compostiere di comunità nelle Zone economiche ambientali” con una dotazione di 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022. Il fondo è assegnato, mediante bandi pubblici, ai comuni il cui territorio è compreso, in tutto o in parte, all’interno di una zona economica ambientale, per contribuire all’acquisto di compostiere di comunità da realizzare secondo quanto disposto dal regolamento di cui al decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare 29 dicembre 2016, n. 266. Il contributo riconosciuto ai comuni ai sensi del presente comma è cumulabile con altri contributi o finanziamenti pubblici, anche europei, per la medesima finalità, fino alla concorrenza massima del 100 per cento delle spese sostenute. 

A proposito di parchi, altri due provvedimenti:

  • si dispone un aumento di 6 milioni di euro a decorrere dal 2021 delle risorse per il funzionamento dei Parchi nazionali e di 3 milioni di euro di quelle destinate al funzionamento delle Aree marine protette (articolo 1, commi 736-741).
  • Al fine di realizzare progetti pilota di educazione ambientale destinati a studenti degli istituti comprensivi delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, site nei comuni che ricadono nelle zone economiche ambientali, nelle riserve MAB-UNESCO e nei siti naturalistici dichiarati dall’UNESCO patrimonio dell’umanità, è istituito un fondo con una dotazione di 4 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022. Con decreto del Ministro dell’ambiente saranno definiti i criteri e le modalità di riparto del fondo (art. 1 comma 759).
  • Al fine di prevenire la produzione di rifiuti di imballaggio e di favorire il riutilizzo degli imballaggi usati nelle zone economiche ambientali è promosso il sistema del vuoto a rendere per gli imballaggi contenenti liquidi a fini alimentari, primari e riutilizzabili (art. 1 commi 760-765). Agli utilizzatori aventi la sede operativa all’interno di una ZEA e che introducono per la vendita il sistema del vuoto a rendere per gli imballaggi è riconosciuto, in via sperimentale, un contributo economico a fondo perduto pari alla spesa sostenuta e documentata per un importo massimo di 10.000 euro ciascuno, corrisposto secondo l’ordine di presentazione delle domande ammissibili, nel limite complessivo di 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022, fino a esaurimento delle predette risorse. Gli utilizzatori possono riconoscere agli acquirenti, negli anni 2021 e 2022, un abbuono, all’atto della resa dell’imballaggio, pari al 25 per cento del prezzo dell’imballaggio stesso, contenente la merce ed esposto nella fattura o ricevuta fiscale o scontrino fiscale. Agli utilizzatori che hanno concesso l’abbuono è riconosciuto un credito d’imposta di importo pari al doppio dell’importo degli abbuoni riconosciuti agli acquirenti. Il credito è riconosciuto fino a un importo massimo di 10.000 euro annui per ciascun utilizzatore.

 

MOBILITA’ SOSTENIBILE

Sul tema della mobilità sostenibile vi sono anche:

  • l’incremento delle risorse disponibili sul fondo “Programma sperimentale buono mobilità” in modo da permettere l’accesso al beneficio a tutti coloro che avevano acquistato beni o servizi incentivati dal 4 maggio al 2novembre 2020 ma non avevano ricevuto il rimborso per esaurimento fondi (art. 1 commi 692-695)
  • la previsione di un credito d’imposta annuo del 30% delle spese sostenute e documentate per l’acquisto di cargo bike e cargo bike a pedalata assistita, (fino a un massimo annuale di 2.000 euro per ciascuna impresa beneficiaria) alle microimprese e piccole imprese che svolgono attività di trasporto merci urbano di ultimo miglio, nel limite massimo complessivo di 2 milioni di euro per l’anno2021. Criteri e modalità di applicazione e fruizione in un futuro decreto del Ministero dell’ambiente da emanarsi entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge (art. 1 commi 698-699).

 

PLASTIC TAX E ALTRO…

Vi sono poi all’art. 1 comma 1084 modifiche alla disciplina sulla plastic tax sui manufatti monouso realizzati con polimeri sintetici (cd. “MACSI“, legge 27 dicembre 2019, n. 160) tra cui la proroga al 1° luglio 2021 dell’entrata in vigore.

Infine citiamo alcuni provvedimenti relativi a misure strutturali di tipo economico:

  • Fondo per le Pmi della green economy (articolo 1, commi 124-126)
  • Certificazione ambientale per la finanza sostenibile (articolo 1, commi 743-746)
  • Fondo per la transizione energetica nel settore industriale (articolo 1, comma82)
  • Gestione fondi del programma europeo Next Generation Eu (articolo 1, commi1037-1050).

Tags: , , , , ,

di Riccardo Marchesi

354
Share