Iscriviti e ricevi le nostre news sulla sostenibilità.
Nella sezione Notizie Sostenibili puoi scoprire i nostri progetti e ascoltare le esperienze di chi ha scelto di lavorare con Achab Group.
Guarda nella sezione Approfondimenti Sostenibili per saperne di più sul tema della sostenibilità e i nostri consigli su come applicarla.
Compila il form per iscriverti alla nostra newsletter NoteS e restare aggiornato sulla sostenibilità.

Iscriviti!


Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l’iscrizione

 

Privacy Policy

22 Agosto 2023

Provvedimenti ARERA del 3 agosto 2023

Con tre delibere approvate il 3 agosto 2023 e pubblicate il 7 agosto 2023, ARERA ha approvato lo schema tipo di contratto di servizio, allargato il monitoraggio degli indicatori di efficienza delle attività di recupero e smaltimento e aggiornato il metodo per determinare le tariffe del servizio di gestione dei rifiuti (MTR-2).

 

Schema tipo contratto di servizio affidante/gestore

Con la delibera n. 385 sono stati disciplinati i contenuti minimi essenziali ed è stato approvato lo schema tipo di contratto di servizio per la regolazione dei rapporti tra ente affidante e soggetto gestore (ai sensi dell’articolo 1, comma 527, lettera e) della Legge 205/17 e secondo le previsioni di cui all’articolo 7, comma 2, del D.lgs. 201/22)

Lo schema tipo di contratto di servizio per la regolazione dei rapporti fra enti affidanti e gestori del servizio dei rifiuti urbani è un atto che fissa i contenuti minimi essenziali obbligatoriamente richiesti dalla normativa vigente, ferma restando l’autonomia contrattuale delle Parti nel disciplinare contenuti ulteriori, nel rispetto della normativa vigente e dei provvedimenti di regolazione dell’Autorità.

Si prevede che i contratti di servizio in essere siano resi conformi allo schema tipo di contratto di servizio e trasmessi all’Autorità dagli Enti territorialmente competenti entro 30 giorni dall’adozione delle pertinenti determinazioni di aggiornamento tariffario biennale 2024-2025, ovvero dal termine stabilito dalla normativa statale di riferimento per l’approvazione della TARI riferita all’anno 2024.

 

Monitoraggio di nuovi indicatori di efficienza (recupero e smaltimento)

Con la delibera n. 387 ARERA introduce il monitoraggio di nuovi indicatori di efficienza delle attività di recupero e smaltimento, a partire dal 2024 e secondo un approccio graduale.

Gli obblighi di monitoraggio e di trasparenza sull’efficienza della raccolta differenziata e sugli impianti di trattamento dei rifiuti urbani riguardano:

  • Efficienza e qualità della raccolta differenziata (Titolo II)
  • Efficienza di gestione degli scarti (Titolo III)
  • Continuità del servizio di trattamento (Titolo IV)
  • Qualità commerciale della filiera (Titolo V)
  • Obblighi di trasparenza (Titolo VI).

Essi sono da applicare via via dai vari soggetti (Gestore della raccolta e trasporto; Gestore dell’impianto di compostaggio/digestione anaerobica, ivi incluso quello misto; Gestore dell’impianto di incenerimento con e senza recupero di energia; Gestore dell’impianto di trattamento meccanico/meccanico biologico; Gestore della discarica), secondo una tabella di riferimento riportata in appendice al documento.

Per quanto riguarda in particolare il Gestore della raccolta e trasporto, il Titolo II riporta il tema dell’efficienza e qualità della raccolta differenziata. Vengono individuati:

  • l’indicatore Efficienza della raccolta differenziata delle frazioni soggette agli obblighi di responsabilità estesa del produttore
  • l’indicatore Avvio a riciclaggio della frazione organica
  • l’indicatore Qualità della raccolta differenziata delle frazioni soggette agli obblighi di responsabilità estesa del produttore
  • il Macro-indicatore R1 Efficacia dell’avvio a riciclaggio delle frazioni soggette agli obblighi di responsabilità estesa del produttore
  • l’indicatore Qualità della raccolta differenziata della frazione organica.

 

Aggiornamento biennale del metodo tariffario rifiuti MTR-2

Con la delibera n. 389 infine ARERA ha definito le regole per l’aggiornamento biennale 2024-2025 del metodo tariffario rifiuti MTR-2. Esso è costituito da articoli aventi per oggetto:

  • l’ambito di applicazione ed elementi procedurali 
  • ottemperanza alla sentenza del Consiglio di Stato del 24 luglio 2023, n. 7196/23, che ha sancito la illegittimità parziale della disciplina per gli imballaggi plastici stabilita dalla delibera MTR-2
  • adeguamenti contabili e monetari per l’aggiornamento dei costi riconosciuti
  • limite alla crescita annuale delle entrate tariffarie
  • ulteriori regole per la determinazione dei costi riconosciuti
  • aggiornamento delle tariffe di accesso agli impianti di trattamento
  • coordinamento con le misure introdotte sull’efficienza della raccolta differenziata e sugli impianti di trattamento dei rifiuti urbani
  • monitoraggio del grado di copertura dei costi efficienti della raccolta differenziata
  • disposizioni finali.

Tags: , ,

di Riccardo Marchesi

222
Share