Iscriviti e ricevi le nostre Notizie Sostenibili.
Abbiamo sempre 1.000 progetti attivi.
I nostri creativi non si fermano mai: campagne di comunicazione, percorsi educativi, progetti teatrali, pubblicazioni e ricerche.
Se hai piacere di essere aggiornato iscriviti alla nostra newsletter NoteS e riceverai solo Notizie Sostenibili.

Iscriviti!

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l’iscrizione

Privacy Policy

20 Novembre 2020

Anche ASP e la città di Asti utilizzano Junker App

Il Comune di Asti e ASP (Asti Servizi Pubblici) sono entrati a far parte della famiglia di Junker App, sostituendo la vecchia app “Differenziasti”, attiva dal 2017 ed affiancandola alle altre app promosse dalla multiutility astigiana.

 

La ricerca attraverso il codice a barre

 

La funzionalità principale, che rende Junker unica in Italia ed Europa grazie ad una tecnologia innovativa e ad un servizio rapido, completo e di facile utilizzo, è quella che consente agli utenti di conoscere, tramite lettura del codice a barre con la fotocamera del proprio smartphone, le modalità di smaltimento di un prodotto.

Junker è in grado di consultare il suo database di oltre 1.600.000 prodotti, individuando l’oggetto indicato dall’utente, segnalandone il materiale di cui è composto, come deve essere conferito e i turni di raccolta. Nel caso in cui il prodotto non sia dotato di codice a barre, è comunque possibile effettuare una semplice ricerca per categoria, attraverso il simbolo del materiale di cui è composto. Si sta, inoltre, implementando una nuova funzione di riconoscimento dell’oggetto tramite fotografia.

 

Il commento del sindaco Rasero e dell’Assessore Berzano

 

“L’idea che ci ha sottoposto Asp, ci ha trovato subito concordi – dichiara il sindaco Rasero.- Ci siamo resi conto che per molti cittadini la raccolta differenziata poteva essere un problema. Ma non per cattiva volontà, ma per la difficoltà di individuare correttamente dove smaltire date le molteplicità di prodotti, realizzati con materiali variegati, con cui abbiamo a che fare tutti i giorni.” Aggiunge l’Assessore Berzano: “Siamo convinti che la nuova app sia di sicura utilità, che presto entrerà, ne siamo certi, nell’uso quotidiano dei nostri concittadini. Questo consentirà di migliorare il prodotto conferito, riducendo le impurità nella raccolta e riducendo, alla fine, il costo del servizio”.

 

Le segnalazioni ambientali contro gli abbandoni

 

Da non dimenticare, inoltre, l’importante funzionalità delle segnalazioni ambientali, attraverso la quale i cittadini hanno la possibilità di comunicare ad Asp situazioni di degrado e abbandoni.

Questa riveste, per il territorio astigiano, un’importanza strategica. Il lavoro degli operatori di Asp e gli sforzi dei cittadini virtuosi possono, infatti, essere vanificati se, i meno attenti al rispetto delle regole, scelgono di abbandonare i rifiuti per strada anziché smaltirli all’Ecocentro oppure usufruire del servizio gratuito di ritiro.

Tags: , , ,

di Paola Rossi

66
Share