Iscriviti e ricevi le nostre news sulla sostenibilità.
Nella sezione Notizie Sostenibili puoi scoprire i nostri progetti e ascoltare le esperienze di chi ha scelto di lavorare con Achab Group.
Guarda nella sezione Approfondimenti Sostenibili per saperne di più sul tema della sostenibilità e i nostri consigli su come applicarla.
Compila il form per iscriverti alla nostra newsletter NoteS e restare aggiornato sulla sostenibilità.

Iscriviti!


Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l’iscrizione

 

Privacy Policy

7 Febbraio 2020

Children’s Museum Verona: fare scienza con le mani

Aperto da settembre 2019, il Children’s Museum di Verona è una nuova realtà nel mondo della didattica esperienziale e offre l’opportunità a bambini e ragazzi di vivere la scienza in maniera del tutto nuova. E noi siamo andati a visitarlo e scoprirlo…

Maria Montessori già lo diceva all’inizio del secolo scorso: aiutiamoli a fare da soli. Così si orienta anche questo museo a totale misura di bambino e ragazzo, con diverse aree in cui vivere in prima persona la scienza. Passando dall’area delle costruzioni, a quella dell’acqua, da quella del suono a quella della luce, l’esperienza al museo trascorre fra mille stimoli e giochi per imparare facendo.
Il ruolo del genitore all’interno del museo è fondamentale: non è un semplice accompagnatore, ma co-attore delle attività assieme ai propri figli… anche perché non si finisce mai di imparare! Lo staff del museo è sempre presente in maniera discreta, aiutando se serve ma lasciando ognuno libero di sperimentare qualsiasi attività presente.

L’orientamento educativo su cui si basano le attività del museo si rifà al “metodo Montessori” e al più recente “Reggio Emilia Approach” secondo cui ai bambini deve essere garantita la possibilità di provare, di divertirsi, di esprimere la loro creatività e la loro originalità. Non c’è un modello preciso a cui tendere, non c’è risultato giusto, né sbagliato in quello che i bambini fanno: ci sono solo occasioni per esprimere una potenzialità. Si tratta inoltre di un approccio educativo molto democratico: prevede che ogni essere umano abbia i suoi linguaggi e debba esprimerli senza che ci sia un giudizio di valore a condizionarli perché le differenze sono una ricchezza, non un ostacolo.

Pareti meccaniche, tunnel verticale, fun zone, stanza della luce, water zone… tutto aspetta famiglie ma anche scolaresche a Verona: un’idea diversa per un fine settimana in famiglia o come gita scolastica. Perché la scienza passa anche (e forse diremmo soprattutto) dalle mani e dai piedi!

Tags: , , ,

di Paolo Carmignola

245
Share