Iscriviti e ricevi le nostre Notizie Sostenibili.
Abbiamo sempre 1.000 progetti attivi.
I nostri creativi non si fermano mai: campagne di comunicazione, percorsi educativi, progetti teatrali, pubblicazioni e ricerche.
Se hai piacere di essere aggiornato iscriviti alla nostra newsletter NoteS e riceverai solo Notizie Sostenibili.

Iscriviti!


 *

 

 

15 Luglio 2020

Keep calm and… le campagne interrotte riprendono

Il lockdown a causa del Covid 19 non solo ha costretto al rinvio molte attività o a determinarne una conversione digitale ma, in alcuni casi, ha interrotto nel bel mezzo dello svolgimento, importanti campagne di attivazione di nuovi servizi e di comunicazione collegate.

 

E allora, come riprendere dopo quasi 4 mesi? E’ di interesse il caso di Torino e di Amiat Gruppo Iren, costretta a bloccare nel pieno delle attività nel mese di marzo, l’attivazione della zona “Spine”  (17 mila abitanti circa) alle nuove ecoisole smart, postazioni ad accesso controllato utilizzabili solo tramite tessera. Squadre di operatori (distribuzione a cura di Achab Group) erano all’opera per consegnare casa per casa le nuove ecocard ed un kit di cortesia per la raccolta dell’umido (biopattumiera e sacchetti compostabili in carta) quando sono state fermate dalla pandemia. Così come il punto info-distributivo, dove i non trovati a casa si potevano recare per ritirare il kit e così come l’installazione delle ecoisole stesse, che, per i primi tempi, sarebbero rimaste “aperte” e solo in un secondo tempo, a distribuzione conclusa, sarebbero state bloccate e rese disponibili per l’accesso solo tramite tessera.

 

L’emergenza sanitaria, le necessità di distanziamento e l’esigenza di adottare tutte le cautele necessarie hanno fatto sì che si decidesse per una ripresa forte e veloce con alcune caratteristiche diverse rispetto alla pianificazione originale:

  • il ripassaggio in tutti i condomini e abitazioni con l’affissione di comunicazioni riportanti le nuove regole per gli stabili non ancora interessati dalla consegna a marzo e la conferma delle istruzioni per quelli già visitati
  • la consegna (nei numeri civici non visitati a marzo) di un kit diverso, formato da una busta con le tessere personali e un nuovo pieghevole informativo, non alloggio per alloggio, ma direttamente nelle cassette postali
  • l’avvio immediato del punto info-distributivo, di 4 pomeriggi a settimana, a gestire subito i non trovati di marzo e la sua istituzione fino al 10 ottobre con una pausa di sole 2 settimane ad agosto. Punto info-distributivo che è stato allestito nel rispetto delle norme anti Covid 19
  • la continuazione dell’attività specifica di contatto personale e consegna per le utenze non domestiche, dal punto di interruzione.

 

 

 

 

 

 

 

Tags: , , , , ,

di Barbara Buffo

156
Share