Iscriviti e ricevi le nostre Notizie Sostenibili.
Abbiamo sempre 1.000 progetti attivi.
I nostri creativi non si fermano mai: campagne di comunicazione, percorsi educativi, progetti teatrali, pubblicazioni e ricerche.
Se hai piacere di essere aggiornato iscriviti alla nostra newsletter NoteS e riceverai solo Notizie Sostenibili.

Iscriviti!

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l’iscrizione

Privacy Policy

8 Marzo 2021

#LettureLeggere, siamo tutt* principesse l’8 marzo



Per i più piccoli (ma non solo) le principesse dimenticate

Quali principesse conoscete? Cenerentola, Biancaneve, Aurora… e poi? Tutto qui? Noi ne abbiamo scoperte tantissime nel libro “Principesse dimenticate e sconosciute” di Philippe Lechermeier e Rébecca Dautremer (edizioni Rizzoli). Ci sono ad esempio la principessa Sprofondina, appartenente alla famiglia dei re fannulloni, o la Papagnassa del Peloponneso che ama trascorrere il proprio tempo fra palazzi e banchetti, o ancora Effimera di Cina che appartiene a una dinastia in cui si è principesse solo per un giorno.

 

Una carrellata di principesse di tutti i tipi per ricordarci che ognun* è principessa o principe in ogni meravigliosa sfaccettatura del proprio carattere. Un libro per bambini, da leggere da soli o con un adulto, per scoprire l’unicità propria e degli altri.

 

Un libro imperdibile: Donne che corrono coi lupi

I lupi sani e le donne sane hanno in comune talune caratteristiche psichiche: sensibilità acuta, spirito giocoso, e grande devozione. Lupi e donne sono affini per natura, sono curiosi di sapere e possiedono grande forza e resistenza. Sono profondamente intuitivi e si occupano intensamente dei loro piccoli, del compagno, del gruppo. Sono esperti nell’arte di adattarsi a circostanze sempre mutevoli; sono fieramente gagliardi e molto coraggiosi. Eppure le due specie sono state entrambe perseguitate.

Questo racconta “Donne che corrono coi lupi” di Clarissa Pinkola Estés (edizioni Pickwick), un libro forte ed interessante che parla della donna, del suo istinto profondo e primordiale; che parla della donna attraverso la natura, selvaggia a mai domita, e di come entrando in contatto con essa ci si possa liberare da concetti ereditati da un’educazione e da una cultura patriarcale che pervade ancora i nostri tempi. Una lettura che lascerà il segno e ci farà guardare il mondo e la natura con occhi diversi… da lupa!

di Redazione

31
Share