Iscriviti e ricevi le nostre Notizie Sostenibili.
Abbiamo sempre 1.000 progetti attivi.
I nostri creativi non si fermano mai: campagne di comunicazione, percorsi educativi, progetti teatrali, pubblicazioni e ricerche.
Se hai piacere di essere aggiornato iscriviti alla nostra newsletter NoteS e riceverai solo Notizie Sostenibili.

Iscriviti!

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l’iscrizione

Privacy Policy

18 Dicembre 2020

#LettureLeggere, un buon libro fa sempre bene, anche a Natale

Già pregustiamo le giornate di riposo natalizio, quando il tempo si dilata, la sveglia non suona e, complici anche le normative anti-COVID, si gusta il calore di casa. E allora perché non pensare di fare scorta di libri da leggere per noi e anche ai più piccoli? Vi proponiamo allora due selezioni, come sempre a nostro personalissimo gusto 😉

 

Un bradipo da cui abbiamo molto da imparare

 

La filosofia di vita del bradipo Paco è semplice: la cosa fondamentale è rimandare sempre tutto a domani. Fino a quando non arriva una squadra di castori che si mette ad abbattere la foresta in cui vive Paco: e albero dopo albero, i castori procedo nella loro opera di disboscamento finché resta in piedi solo un albero, quello cui vive Paco…. che a questo punto non può più rimandare: deve fare qualcosa!

 

“Magari domani” di Michaël Escoffier e Kris Di Giacomo (edizioni Terre di Mezzo) è un albo illustrato per bambini che racconta, attraverso il simpatico bradipo Paco, i “pericoli” di rimandare tutto a domani; un albo ecologista sull’importanza della salvaguardia ambientale… che serve oggi, non domani!

 

Una visione nuova dell’ecologia

 

Il titolo emblematico del libro di Antonio Cianciullo, “Ecologia del desiderio. Curare il pianeta senza rinunce” (edizioni Aboca), rivela l’idea ormai ampiamente diffusa che essere ambientalisti o attenti alle tematiche ambientali significhi privarsi di tutta una serie di indubbie comodità che l’uomo si è faticosamente conquistato nei millenni. E la domanda che ci si pone subito dopo è: dobbiamo realmente battere in ritirata cancellando tutti i progressi insieme agli errori? Finchè l’ambientalismo sarà presentato come un lungo elenco di rinunce e privazioni, resterà certamente relegato in una nicchia.

 

“Per arginare il collasso degli ecosistemi serve un progetto largamente condiviso, capace di muovere i grandi numeri, ma da mezzo secolo gli ecologisti vincono nella gara della paura e perdono in quella della speranza”, scrive Antonio Cianciullo, scrittore e giornalista de La Repubblica, impegnato da oltre trent’anni ad affrontare la questione ambientale. In questo libro, ci propone un interessante excursus tra gli opposti con cui siamo abituati a relazionarci: speranza contro paura, riciclo contro rifiuto, economia circolare contro economia lineare e ci racconta come la comunicazione abbia un ruolo fondamentale nel presentare l’ambientalismo come una nuova scienza positiva fatta di scelte, di cambiamenti, ma non per forza di rinunce.

Tags: , , , ,

di Redazione

152
Share