Iscriviti e ricevi le nostre Notizie Sostenibili.
Abbiamo sempre 1.000 progetti attivi.
I nostri creativi non si fermano mai: campagne di comunicazione, percorsi educativi, progetti teatrali, pubblicazioni e ricerche.
Se hai piacere di essere aggiornato iscriviti alla nostra newsletter NoteS e riceverai solo Notizie Sostenibili.

Iscriviti!


 *

 

 

13 Febbraio 2020

Nei “quartieri” di Pordenone il futuro cresce davanti ai nostri occhi

Dal 1° gennaio 2020 nei “quartieri di Pordenone” la raccolta “porta a porta” del secco residuo è passata da settimanale a quindicinale. Non si è trattato solo di un cambio di servizio ma di un vero e propriopassaggio culturale.

Il Comune grazie alla collaborazione attiva con Gea, gestore dei servizi ambientali e società in house, negli anni ha raggiunto ottime percentuali di raccolta differenziata ma ora punta al salto di qualità, ricercando la fondamentale collaborazione dei cittadini attraverso una più accurata selezione dei rifiuti. L’obiettivo è favorire il recupero di risorse dai materiali con una conseguente contrazione di rifiuto non recuperabile che permette di controllare i costi del servizio rifiuti a carico degli utenti, diminuire lo sfruttamento di importanti materie prime sempre più limitate (petrolio, legno, metalli) e di ottimizzare le esposizioni del secco, fattore che si traduce in un transito più contenuto dei camion dei rifiuti sulle strade cittadine e in minori emissioni di CO2.
Un’azione a sostegno dell’ambiente dunque ma anche un modo per ridurre l’impatto sulla viabilità cittadina e sulla qualità dell’aria.

Da qui la campagna di sensibilizzazione messa in atto negli ultimi mesi del 2019 e creata per sviluppare consapevolezza dei cittadini: una comunicazione capillare fatta recapitare in ogni casa con le motivazioni alla base delle scelte intraprese, gli approfondimenti sui principali errori commessi in fase di separazione ma anche utili indicazioni per ridurre a monte i rifiuti, ad esempio con acquisti consapevoli al supermercato. Si è ritenuto inoltre fondamentale il coinvolgimento degli amministratori di condominio  e delle associazioni del territorio con informative e materiali dedicati, richiedendo il loro prezioso aiuto nel diffondere i messaggi. E ancora una visibilità sul territorio con manifesti e locandine per creare impatto visivo e un volantino dedicato alle scuole in cui il personaggio Quasar parla ai bambini. L’immagine grafica è stata realizzata in collaborazione con Paff, il palazzo del fumetto con sede a Pordenone, grazie alla matita del fumettista italiano Emanuele Barison.

Non da ultimi i punti informativi ai mercati rionali e le visite di consulenza “a domicilio” dedicate soprattutto ai condomini, con prove pratiche di raccolta differenziata, perché il contatto diretto e la consulenza sul campo sono gli strumenti migliori per una fattiva collaborazione.

Tags: , , ,

di Paolo Carmignola

98
Share